Home

Editoriale n. 1/2021

L’assalto a Capitol Hill e la tenuta dello Stato di diritto nelle democrazie contemporanee

di Salvatore Bonfiglio

Dopo l’indisponibilità del vicepresidente Mike Pence a esercitare i suoi poteri e doveri – secondo quanto previsto dal XXV Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d’America, per destituire rapidamente il Presidente in carica – la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti d’America il 13 gennaio 2020 ha votato, per la seconda volta, la richiesta di impeachment per Donald Trump. In tale circostanza anche dieci esponenti del partito repubblicano hanno votato a favore di questo esito.

La Camera ha dunque deliberato la messa in stato di accusa per incitamento all’insurrezione negli ultimi giorni della presidenza Trump, pur sapendo che il Senato – in funzione giudiziale e presieduto dal capo della Corte Suprema – non farà in tempo a concludere la procedura entro il 20 gennaio 2020. Che senso ha portare a termine l’impeachment di un ex Presidente? Valutiamone brevemente le conseguenze giuridiche e politiche.

Continua

Editoriale

Bias cognitivi e libertà individuali

di Mario De Caro

Celata dagli infiniti rivoli della caotica discussione pubblica sulla pandemia da coronavirus, una questione merita un breve approfondimento: si tratta della tensione, oggi particolarmente avvertita, tra libertà individuale e sicurezza generale. Rispetto a questo tema, infatti, negli ultimi anni le scienze della mente/cervello – e in particolare la psicologia sociale – hanno mostrato aspetti nuovi e indubbiamente rilevanti per la comprensione dell’attuale situazione.

Università degli Studi

Recensioni

Alessio Rauti, La decisione sulla cittadinanza. Tra rappresentanza politica e fini costituzionali, Editoriale Scientifica, Napoli, 2020

di Gabriele Maestri

Nella Costituzione il concetto astratto della «cittadinanza» ricorre solo due volte (artt. 22 e 117, comma 2, lett. i); più presente è la sua versione personificata dei «cittadini», evocata – oltre che nella rubrica della Parte I («Diritti e doveri dei cittadini») – negli artt. 3 (commi 1 e 2), 4, 16, 17, 18, 26, 38, 48, 49, 50, 51, 52, 54, 59, 75, 84, 102, di nuovo 117 (comma 2, lett. a), 118, 135 e nella XVIII disp. trans. fin. 

Luca Barbari, Francesco De Vanna (cur.), Il “diritto al viaggio”. Abbecedario delle migrazioni, Giappichelli, Torino, 2018

g.m.

Se si parla di migranti e migrazioni è facile che la mente richiami immagini di sbarchi, controlli, soccorsi, imbarcazioni stracolme in balia di quel mare che troppo spesso finisce per accogliere i corpi di coloro che non sono riusciti a raggiungere una nuova terra o a trovare chi se ne prendesse cura quando erano in vita. Ci si figura l’esito, ma il quivis de populo pensa assai meno a tutto ciò che precede quel momento: il viaggio.

Segnalazioni

Mario Carta, Unione europea e tutela dello Stato di diritto negli Stati membri, Cacucci, Bari, 2020

Il volume offre un’analisi approfondita sulla tutela dello Stato di diritto nell'ordinamento degli Stati membri dell’Ue. L’autore esamina in particolare i Paesi in cui sono in atto processi di backsliding del rule of law, ricostruendo gli strumenti che il diritto dell'Unione offre per garantire il rispetto dello Stato di diritto.

Saggi

Climate and Environmental Justice: A Comparative Perspective to ‘Think Different’ about Long-Lasting Issues

di Pasquale Viola

Environmental and climate issues are persistent topics within the global community, involving a wide range of knowledge’s branches and methodologies. From the realm of hard-sciences, these topics slowly entered into debates and studies in humanities (Gosh 2016), leading legal disciplines as well to adjust long-lasting doctrinal schemes according to novel theories and demands.

Abstract

Osservatorio europeo e internazionale

Reversibilidad democrática en Venezuela. Opciones de la transición política

di Herbert Koeneke Ramírez 

La crisis en la que ha estado sumida Venezuela en los últimos años resulta no solo preocupante dentro y fuera del país, sino que además genera dudas acerca de la probabilidad de que sea prontamente superada. El colapso de la industria petrolera, el deterioro de los indicadores económicos, la diatriba contra figuras públicas, la judicialización de la política, los escándalos de corrupción, la politización del sector militar, los elevados niveles de violencia y la creciente emigración hacia distintos países constituyen factores determinantes de esa consternación social.

Abstract

Osservatorio sociale

L’inferno dell’uguale: Byung-Chul Han e la microfisica della violenza

di Emanuele Rossi

«La violenza – ha scritto René Girard – è interminabile» (Girard). Come esseri umani sappiamo benissimo che vi sono cose che non scompaiono mai dal nostro orizzonte di senso e di significato e che, pur assumendo forme diverse, sono parte integrante della nostra esistenza e della vita delle nostre società. Tra queste c'è la violenza, una realtà proteiforme che – come ha scritto Wolfgang Sofsky – «rimane onnipresente: attraversa la storia del genere umano, dall’inizio alla fine». Di ciò è convinto pure Byung-Chul Han: nel recente lavoro Topologia della violenza, ricostruisce dettagliatamente le trasformazioni che essa ha assunto nella società contemporanea. 

Abstract

Dip. di Scienze Politiche