Home / Saggi / La adquisición de la nacionalidad en España

La adquisición de la nacionalidad en España

La adquisición de la nacionalidad en España

di Pablo Meix Cereceda

Este trabajo está elaborado para su publicación en la revista Democrazia e sicurezza, como parte de un número específicamente dedicado a la institución de la cittadinanza en Italia y en otros países del sur de Europa. En efecto, se trata de contribuir a la comprensión del verdadero alcance de la reforma legal propuesta en Italia, por la cual se pretende introducir en el ordenamiento la posibilidad, para ciertas situaciones, de obtener la condición jurídica de italiano por el hecho de nacer en territorio de la República de Italia o de haber pasado por su sistema de educación.

Abstract

This paper discusses the modes of acquisition of nationality under Spanish law with the primary aim of enriching the discussion on the Italian bill proposal. Before examining the legal rules in the Spanish Código Civil, the text seeks to clarify the constitutional meaning of the terms nacionalidad and ciudadanía in the Spanish Constitution of 1978. The six modes of acquisition are subsequently discussed: ius sanguinis; qualified ius soli; option; putative possession; residence; and lastly, naturalization (the 2015 bill for the Sephardim deserves specific consideration here).

Related content

Editoriali

Diritto alla privacy e lotta al terrorismo nello spazio costituzionale europeo

di Salvatore Bonfiglio

La rivoluzione digitale sta segnando fortissimi cambiamenti, che sono in un certo senso paragonabili per importanza a quelli che si registrarono dopo la rivoluzione industriale tra il XVIII e il XIX secolo. Non è un caso che, com’è noto, proprio alla fine dell’Ottocento fu teorizzato il right of privacy definito, in un noto articolo di Warren e di Brandeis [1], come right to be let alone. Nella società industriale l’anonimato urbano fece sorgere nelle persone e, soprattutto, nella borghesia cittadina, il desiderio di difendere l’intimità privata contro l’ingerenza dei giornali. 

di Lina Panella

Il 28 giugno 2012 il Comitato dei diritti dell’uomo della Società italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI) ha organizzato un convegno in memoria della prof.ssa Maria Rita Saulle, ad un anno dalla scomparsa, dal titolo “I diritti umani nella giustizia costituzionale ed internazionale”. Alla presenza del marito prof. Francesco Durante e di numerosissimi colleghi sia del mondo accademico che della Corte Costituzionale, la poliedrica figura della prof.ssa Saulle è stata  ricordata a quanti hanno avuto il privilegio di  conoscerLa e lavorare al Suo fianco con alcune relazioni  scientifiche su particolari problematiche  che  erano state Suo oggetto di indagine privilegiato.

di  Marco Ruotolo

In un illuminante saggio del 2001, Alessandro Baratta affermava che l’enucleazione di un “diritto fondamentale alla sicurezza” non può essere altro che il “risultato di una costruzione costituzionale falsa o perversa” . Se tale preteso diritto si traduce nella “legittima domanda di sicurezza di tutti i diritti da parte di tutti i soggetti”, la costruzione è “superflua” e comunque la terminologia è fuorviante. Siamo, infatti, nel campo della “sicurezza dei diritti” o del “diritto ai diritti”, identificabile anche come “diritto umano ai diritti civili”, non già in quello proprio del “diritto alla sicurezza”. Se, invece, parlando di diritto alla sicurezza si intende selezionare “alcuni diritti di gruppi privilegiati e una priorità di azione per l’apparato amministrativo e giudiziale a loro vantaggio”, la costruzione è “ideologica”, funzionale ad una limitazione della sicurezza dei diritti attraverso l’artificio del “diritto alla sicurezza”.