Home / Osservatori / Osservatorio europeo e internazionale

Osservatorio europeo e internazionale

Situación Sanitaria en Venezuela: Sanidad en Emergencia

di Vivian Carolina Bastidas Alcántara

Reunir información acerca de la situación sanitaria en Venezuela actualmente caracterizada por la escases de datos y publicaciones epidemiológicas de los organismos públicos encargados, depende cada vez mas de asociaciones civiles y Ong que recaban datos que suplen estas faltas; los Boletines Epidemiológicos semanales dejaron de ser publicados en el año 2014 y de forma improvisa en Mayo del 2017 aparecieron los boletines correspondientes al año 2016.

Abstract

Le misure anti-tratta nell’ordinamento italiano: profili penalistici e tutela delle vittime

di Gianluca Ferrari 

In Italia il fenomeno della tratta di esseri umani conta ogni anno un numero di mille persone identificate e assistite come vittime. Per avere la cifra esatta dell’impatto devastante di questa nuova forma di schiavitù, adattata alle economie di libero mercato, bisogna allargare lo sguardo al resto del mondo: lì i numeri salgono a 1.000.000 di persone censite per anno. 

Abstract

Venezuela: un esempio di guerra “ibrida”

di Maddalena Celano

Il Plan Colombia fu il principale strumento politico, delle élite colombiane e degli USA, per posizionarsi egemonicamente nel conflitto armato, cercando di subordinare le azioni di qualsiasi altro attore disposto a giocare propri interessi in Colombia. Di conseguenza, un’analisi più accurata di questo evento, ci consente di spiegare meglio le relazioni che intercorrono tra Colombia e Venezuela.

Abstract

Insilio e inxilio, otras formas de vivir en Venezuela

di Francia Andrade Quiroz

Ferdinand de Saussure (1950), en el Curso de lingüística general, compilado por sus discípulos, habla de la lengua como parte del cuerpo social, que constantemente se encuentra en actividad, por lo tanto, debemos pensar en ella, como un ente dinámico y cambiante, que sorprende cada cierto tiempo, con nuevas palabras o neologismos.

Estos, suelen aparecer y desaparecer en algún lugar y momento de la historia de las naciones (sincronía y diacronía de la lengua) de acuerdo con las circunstancias y situaciones que se van dando en la cotidianidad. Las situaciones pueden ser de naturaleza política, social, antropológica, tecnológica, entre otras, lo cierto, es que siempre darán lugar a nuevos vocablos que describan no solo la realidad física y social de los hablantes, sino, la parte emocional y psicológica.

Abstract

Venezuela, migrazione e rifugio: i numeri dell’esodo

di Diego Battistessa

La crescente complessità politica e socio-economica nella quale versa la Repubblica Bolivariana del Venezuela ha portato al deterioramento dei servizi e delle condizioni di vita della popolazione che vive all’interno del paese.

Venezuela y el Éxodo Científico y Profesional: Un análisis a los Programas Internacionales de Apoyo a Científicos, Académicos y Profesionales Venezolanos en el Exilio, Refugiados y en Riesgo

di Ruth Castillo

El exilio de académicos y científicos venezolanos, representa un desastre para una colectividad emergente y joven dentro del país. La desatención a la comunidad académica venezolana en el exilio, puede llevar a una desconexión, pérdida y aislamiento de la Ciencia venezolana ─ formada antes y durante los primeros años del periodo totalitario─ dentro del contexto nacional e internacional.

Il fenomeno dell’outsourcing militare nell’esperienza statunitense

di Alessandro Gorini

L’avvento dell’età moderna sancì l’avvio di quel lento processo di razionalizzazione del potere che, culminando alla fine del XVIII secolo, determinò il trionfo delle entità statali su ogni altro centro di potere sociale. Oggi, all’interno di quella che viene considerata come l’era della conflittualità postmoderna (Duffield 2008), il ruolo dello Stato sembra aver subito un significativo ridimensionamento.

Abstract

L’Eastern Partnership Panel on Migration and Asylum: recenti sviluppi

di Mario Carta

La Eastern Partnership (EAP) è un’iniziativa congiunta tra l’Unione europea e sei paesi dell’Est, nello specifico Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Georgia, Moldavia e Ucraina, che si sviluppa in quell’ambito dell’azione esterna costituito dalla riformata European Neighbourhood Policy (ENP, 2015) al fine di promuovere i principi che hanno informato la creazione dell’Unione, declinati all’art. 21, par. 1 del TUE.

Abstract

L’Accordo tra Santa Sede e Israele del 30 dicembre 1993 quale chiave di lettura della evoluzione della politica medio-orientale della Santa Sede

di Cristina Gazzetta

L’Accordo fondamentale tra Santa Sede e Israele, firmato il 30 dicembre 1993, si inserisce in un contesto storico, politico, sociale, culturale, religioso e di relazioni diplomatiche (tra i due Soggetti, ma anche a livello internazionale) che riguarda soprattutto la questione dei Luoghi Santi, di difficile soluzione e rimasta irrisolta sin dai tempi delle Crociate e i rapporti tra ebrei e cristiani.

Abstract

A Quarter Century of Globalization in India: Impact on Food and Medicines

di Nilima Chandiramani 

The genesis of globalization can be traced back to Bretton Woods Conference of 1944. The Conference resulted in the establishment of new organizations such as World Bank, International Monetary Fund and the General Agreement on Tariffs and Trade [GATT]. The GATT culminated in the formation of the World Trade Organization [WTO] on 1 January 1995. The WTO covers trade in goods, services, intellectual property, investments and agriculture. India is a member of WTO.

Abstract

Editoriali

Diritto alla privacy e lotta al terrorismo nello spazio costituzionale europeo

di Salvatore Bonfiglio

La rivoluzione digitale sta segnando fortissimi cambiamenti, che sono in un certo senso paragonabili per importanza a quelli che si registrarono dopo la rivoluzione industriale tra il XVIII e il XIX secolo. Non è un caso che, com’è noto, proprio alla fine dell’Ottocento fu teorizzato il right of privacy definito, in un noto articolo di Warren e di Brandeis [1], come right to be let alone. Nella società industriale l’anonimato urbano fece sorgere nelle persone e, soprattutto, nella borghesia cittadina, il desiderio di difendere l’intimità privata contro l’ingerenza dei giornali. 

di Lina Panella

Il 28 giugno 2012 il Comitato dei diritti dell’uomo della Società italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI) ha organizzato un convegno in memoria della prof.ssa Maria Rita Saulle, ad un anno dalla scomparsa, dal titolo “I diritti umani nella giustizia costituzionale ed internazionale”. Alla presenza del marito prof. Francesco Durante e di numerosissimi colleghi sia del mondo accademico che della Corte Costituzionale, la poliedrica figura della prof.ssa Saulle è stata  ricordata a quanti hanno avuto il privilegio di  conoscerLa e lavorare al Suo fianco con alcune relazioni  scientifiche su particolari problematiche  che  erano state Suo oggetto di indagine privilegiato.

di  Marco Ruotolo

In un illuminante saggio del 2001, Alessandro Baratta affermava che l’enucleazione di un “diritto fondamentale alla sicurezza” non può essere altro che il “risultato di una costruzione costituzionale falsa o perversa” . Se tale preteso diritto si traduce nella “legittima domanda di sicurezza di tutti i diritti da parte di tutti i soggetti”, la costruzione è “superflua” e comunque la terminologia è fuorviante. Siamo, infatti, nel campo della “sicurezza dei diritti” o del “diritto ai diritti”, identificabile anche come “diritto umano ai diritti civili”, non già in quello proprio del “diritto alla sicurezza”. Se, invece, parlando di diritto alla sicurezza si intende selezionare “alcuni diritti di gruppi privilegiati e una priorità di azione per l’apparato amministrativo e giudiziale a loro vantaggio”, la costruzione è “ideologica”, funzionale ad una limitazione della sicurezza dei diritti attraverso l’artificio del “diritto alla sicurezza”.

di Stefano Ceccanti

Se leggiamo una delle Costituzioni degli Stati democratico-sociali, come la nostra, dobbiamo cercare anzitutto di coglierne l'ispirazione di fondo attraverso gli enunciati di articoli e commi, ma senza trattarla come se fosse un testo inerte, sapendo vedere al di là di essi, ricercando le loro matrici.

Sulla materia oggetto di questo breve contributo penso di aver trovato la chiave di lettura complessiva migliore, che le illustra adeguatamente, in alcuni testi di Paul Ricoeur, raccolti ora da Luca Alici: Il diritto di punire per Morcelliana.